Maria Hotel & Spa

PRENOTA
 
 
pic-3

Immagina…

11 dic 2013 -

Un giorno come tanti ero intento a leggere qualche fumetto sul vecchio divano a dondolo all’entrata dell’Albergo quando all’improvviso sento la voce squillante di papà che mi invita a raggiungerlo al bar.Con aria curiosa e un po’ intimidita mi siedo al tavolo accanto a lui in attesa di spiegazioni che giustificassero una convocazione tanto urgente da impedirmi di finire l’ultimo numero di Topolino, scusate se è poco!
Lo vedevo armeggiare in maniera piuttosto concitata con un cumulo di scartoffie raffiguranti strane geometrie e disegni che mi risultavano del tutto incomprensibili e mi chiedevo se non avesse in serbo per la giornata qualcosa di più utile e produttivo da mostrarmi.A quel punto mi osserva fisso negli occhi e mi chiede una cosa che aumenta ulteriormente il mio stato confusionale…

“Ti ricordi quel grande Hotel in Austria dove siamo stati l’anno scorso? Quello con la piscina, idromassaggio e bagno turco enorme? “
“Certo che me lo ricordo!” – rispondo io – “Quel posto è fantastico, quello sì che è un Gran Hotel! L’idromassaggio poi non si può mica dimenticare così facilmente!”“Bene, mi fa piacere che queste cose ti siano rimaste impresse…”

“Perché papà, vuoi ritornarci? E poi cosa sono tutti questi fogli che tieni in mano?”

“Questi sono i progetti della piscina e del centro benessere che un giorno vorrei avere proprio qui, sotto i tuoi piedi..ti ho chiamato perché volevo sapere cosa ne pensavi!”
“Veramente!? Una piscina da noi?!? Proprio come quella del Grand Hotel?!?! No non ci credo..mi stai facendo uno scherzo!

“Dai un’occhiata a questi fogli, la piscina è quella a forma di otto e l’idro invece è quello circolare. Ora devi solo liberare la tua immaginazione..un giorno vedremo tutto con i nostri occhi…”

Credo fosse l’estate del ’97 più o meno, quattro anni prima della ristrutturazione totale dell’Hotel, non avevo ancora compiuto otto anni.Fin da bambino ho sempre visto l’Hotel Maria come una casa accogliente che diventava di anno in anno sempre più bella, come per magia. Ho imparato a sognare e soprattutto ho avuto la fortuna di vedere i miei sogni realizzarsi alla luce del giorno proprio come li avevo immaginati nel calmo buio della notte.Ora, passati più di quindici anni da quando la mia lettura di “Topolino” fu interrotta così bruscamente, mi accorgo invece che la magia di cui parlavo non ha nulla a che vedere coi sogni che facevo, con le piscine che nascevano e con le camere che si ingrandivano.

Al contrario la vera magia che tanto mi incantava non si vede e non si tocca. E’ il calore genuino che nella nostra casa  non si è mai affievolito, oggi come allora, non curante di abbellimenti, addobbi e ornamenti, ignaro di mode, tecnologie, strategie e innovazioni.

La vera magia sta nell’affetto che tanti cari ospiti ci dimostravano ieri e ci dimostrano ancora oggi.La vera magia sta nell’entusiamo di chi viene a trovarci per la prima volta oggi senza trascurare quello che l’Hotel già era ieri.Perdonatemi se le mie parole tradiscono un pizzico di sano orgoglio famigliare, sono convinto che mi capirete.

Un grande grazie a tutti coloro che continuano ad alimentare questo dolce incantesimo.

A presto! :-)

2 messaggi su “Immagina…

  1. Stefano Melis

    Ciao Lorenzo,ho letto il tuo pensiero riguardante il vostro splendido hotel;sono stato ospite da voi l’estate scorsa,precisamente una settimana di luglio,e ti devo dire che è stato tutto meraviglioso:dalla bella suite,al personale fino a voi proprietari.La struttura è bellissima:dopo il nostro rientro in Sardegna,ho raccontato a tutti la bellissima esperienza che abbiamo vissuto nell’hotel Maria:semplicemente fantastica!!!!Ci ritorneremo di sicuro.Un caro saluti a tutti…..Stefano Melis e Beatrice.

    Rispondi
  2. Hotel Maria Post author

    Gentilissimi Stefano e Beatrice,

    Innanzitutto vi mando un caro saluto dalle nostre montagne che al momento sono letteralmente sommerse dalla neve!

    A nome di tutta la famiglia e di tutto il team Hotel Maria, vi ringrazio calorosamente per le belle parole spese nei nostri confronti.

    Come ho scritto in questo articolo, sono gesti come questi che rendono il nostro lavoro così gratificante!

    E’stato un vero piacere avervi come ospiti l’estate scorsa e non vediamo l’ora di accogliervi nuovamente, magari anche in compagnia dei vostri amici!

    A presto

    Lorenzo

    Rispondi

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrĂ  pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Current month ye@r day *